Seleziona una pagina

“Il respiro e la mente sono collegati così come il corpo e la mente.
Il respiro riequilibra corpo e mente. Questo è il segreto della vita che abbiamo dimenticato” Sri Ravi Shankar 2004

” LA SALUTE NEL RESPIRO”
Studio effettuato dal Dr. Mencacci, dalla Dr.ssa Stefania Doria e dal Dr. Roberto Sanlorenzo, presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano

 Benefici della respirazione sul Sistema Nervoso Centrale:

 1. Attraverso diversi ritmi di respiro vengono stimolate fibre di diverso diametro del nervo vago: ne consegue un effetti di fine modulazione di vari centri nervosi2. Aumenta la neuroplasticità (stimola la produzione di fattori neuroplastici)3. Migliora le connessioni interemisferiche4. L’effetto positivo nel trattamento della Sindrome da Stress Post Traumatico è stato spiegato con la possibilità di stimolare l’amigdale ed evocare la memoria emotiva dissociando dal ricordo dell’evento scatenanteI punti 2 e 3 sembrano essere la base fisiologica del miglioramento dell’assetto cognitivo registrato nei pazienti.Studio effettuato presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’A. O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano effettuato dal Dr. Mencacci; Dr.ssa Stefania Doria; Dr.Roberto Sanlorenzo biologo molecolare. Benefici della respirazione sulla fisiologia umana 

• Stress: riduce il cortisolo ematico ed il lattato, indicatori dello stress.

• Sistema immunitario: diversi studi hanno evidenziato un incremento significativo di cellule Natural-Killers nei praticanti del respiro

• Sistema endocrino: evidenti gli effetti di riequilibrio sul Sistema Endocrino

• Invecchiamento cellulare: vari studi hanno evidenziato che la pratica quotidiana del respiro induce un aumento degli enzimi antiossidativi proteggendo le cellule dai radicali liberi che ne causano l’invecchiamento

• Coping di ansia, stress, frustrazione: il respiro fornisce un supporto determinante nel superare molte abitudini/dipendenze, dall’eccesso di alcool e cibo al fumo che sono spesso dannose strategie di ripiego per affrontare disagio, stress, ansia, frustrazione.Studio effettuato presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’A. O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano Dr. Mencacci; Dr.ssa Stefania Doria; Dr.Roberto Sanlorenzo biologo molecolare. 

Benefici possibili della respirazione del Rebirthing sulle cellule cancerose

La prima scoperta fu del Premio Nobel Dr. Otto Warburg, direttore dell’Istituto di Fisiologia Cellulare di Berlino, per le sue ricerche concernenti il funzionamento degli enzimi coinvolti nella respirazione cellulare.Egli confermò che la precondizione chiave allo sviluppo del cancro è una carenza di ossigeno a livello cellulare.

Benefici della respirazione del Rebirthing nei pazienti cardiopatici

“… una respirazione sana e corretta dovrebbe essere la prima cosa che si insegna a un paziente cardiopatico”.
Uno studio olandese condotto dal Dr. Dixhoorn, confronta due gruppi di pazienti cardiopatici:
1° gruppo è stata insegnata una respirazione affine a quella del Rebirthing;
2° gruppo non è stata data nessuna indicazione sul respiro;
nel primo gruppo nessuno ha avuto un secondo episodio cardiaco;
nel secondo gruppo il 60% dei pazienti ha avuto un secondo attacco nei successivi due anni”

Benefici della respirazione del Rebirthing sul sistema linfatico

Il Dott. Jack Shields, endocrinologo, ha condotto una ricerca sugli effetti della respirazione intensa sul sistema linfatico.Utilizzando microcamere all’interno del corpo, ha scoperto che la respirazione diaframmatica profonda (quella simile al Rebirthing) stimola la pulizia del sistema linfatico creando un effetto vuoto che risucchia la linfa all’interno del flusso venoso. In questo modo l’eliminazione di tossine aumenta fino a 15 volte!

Benefici della respirazione del Rebirthing sulla produzione di endorfine

Esiste una quantità di dati da cui risulta che i cambiamenti nel ritmo e nella profondità della respirazione producono cambiamenti nel numero e nelle specie dei peptidi* che vengono rilasciati.Portando questo processo a livello di coscienza o facendo qualcosa per alterarlo, o trattenendo il fiato o respirando molto in fretta, si ottiene che i peptidi si diffondano in tutto il liquido cerebrospinale nel tentativo di ristabilire l’omeostasi, ossia il meccanismo che serve a ristabilire e mantenere l’equilibrio.E dato che molti di questi peptidi sono endorfine, cioè oppiacei naturali, insieme ad altre sostanze che alleviano il dolore, si ottiene ben presto una diminuzione del dolore o un incremento di benessere!Quindi non c’è da stupirsi che tante tecniche, già nell’antichità, abbiano scoperto la potenza insita nel controllo della respirazione.Il legame peptidi-respirazione è ben documentato:in pratica tutti i peptidi che si trovano nell’organismo sono presenti nell’apparato respiratorio!Questo substrato peptidico può fornire la spiegazione scientifica dei potenti effetti risanatori degli schemi di respirazionedel rebirthing.*peptidi = ormoni, ovvero sostanze informazionali prodotte da tessuti corporei che vengono trasportati dalla circolazione sanguigna in altre zone al fine di ottenere modificazioni fisiologiche.Dott.ssa Candace B. Pert, “Molecole di emozioni” Ed.Corbaccio

Benefici della respirazione del Rebirthing sulla pressione sanguigna

L’alta pressione arteriosa accompagna stati fisici caratterizzati da una respirazione veloce e superficiale; modificandola con una piena, lenta e diaframmatica , la pressione sanguigna diminuisce notevolmente.

Benefici in alta quota del Respiro controllato, lento e profondo

Presentati al congresso internazionale di medicina di montagna “Una montagna di salute” i risultati preliminari di alcuni studi condotti sugli alpinisti della spedizione all’Everest del 2004.Tra gli altri paiono particolarmente interessanti i dati riguardanti la ventilazione polmonare.Un team di ricercatori, guidati da Luciano Bernardi e Annalisa Cogo, ha studiato in undici alpinisti alcuni parametri respiratori (la ventilazione minuto, la frequenza respiratoria, il volume corrente, la saturazione in ossigeno ecc.) sia a livello del mare, sia al campo base (5150 m) all’arrivo e in corso di acclimatazione.Di essi, un gruppo raggiunse la vetta dell’Everest senza ossigeno (gruppo 1) un altro non la raggiunse o utilizzò l’ossigeno (gruppo 2).Al terzo controllo, in corso di’acclimatazione, sono emerse differenze statisticamente significative tra i due gruppi.In particolare, anche se in tutti i soggetti l’esposizione all’alta quota aveva provocato un aumento di ventilazione, i soggetti del gruppo 1 (vetta senza ossigeno) al terzo controllo presentarono una minore ventilazione minuto, una minore frequenza respiratoria, e una minore risposta ventilatoria all’ipossia rispetto al gruppo 2, mentre la saturazione in ossigeno risultò sovrapponibile.In sostanza gli alpinisti del gruppo 1 dimostrarono una maggiore efficienza ventilatoria.Essi potevano ancora aumentare la loro ventilazione con la salita ulteriore di quota, senza raggiungere livelli prossimi ai loro limiti.Pare quindi che un respiro controllato, lento e profondo, permetta di ossigenare bene il sangue, senza portare all’esaurimento l’apparato respiratorio.I dati sono stati confermati dal racconto delle sensazioni soggettive di Alex Busca, uno degli alpinisti studiati, presente in sala come testimonial del congresso.

Benefici sulla sensibilità del baroriflesso arterioso nei pazienti con malattie cardiache croniche

Il Dr. Luciano Bernardi, con uno studio pubblicato il 17 gennaio 2002, afferma:” Il respiro lento aumenta la sensibilità del baroriflesso arterioso nei pazienti con malattie cardiache croniche

“Lo Yogi che immette il respiro inalante nel respiro esalante, e il respiro esalante nel respiro inalante, tramite Pranapanagati porta la vita e la morte sotto il suo controllo e giunge alla Conoscenza trascendente”.
Bhagavad Gita IV, 29)

Questo verso magistrale del Canto del Beato, considerato come il testo sacro più importante della spiritualità induista e quint’essenza dei Veda, ci dice che questaantica tecnica respiratoria, denominata in tempi moderni Rebirthing da Leonard Orr, in sanscrito si chiamava originariamente Pranapanagati ed era conosciuta e praticata da Yogi sia induisti che buddisti.

Il Pranapanagati veniva trasmesso da Maestro a discepolo tramite iniziazione e il suo scopo primario era la Rinascita Spirituale dell’individuo.

Rebirthing significa letteralmente “rinascita”, intesa questa come rinnovamento e nuova scoperta del sé e come possibilità di rivivere i vissuti psicofisici ed emozionali della nascita e del nostro vissuto prenatale.

Attraverso il lavoro psico-corporeo del Rebirthing puoi attuare una vera e propria ristrutturazione cognitiva ed emotiva dell’esperienza pre e perinatale.

Il fondamento si basa sulla possibilità di attuare il cambiamento positivo che desideri operando in particolare sugli aspetti del sé afferenti alla sfera cognitiva, estesi a quella emotiva, quali:

  • le rappresentazioni mentali

  • l’autoconsapevolezza

  • la comunicazione

  • la motivazione

  • il superamento dei conflitti

  • le abilità di valutazione

  • la risoluzione dei problemi

Il Rebirthing non agisce positivamente solo nel campo di ciò che per te é oggettivamente verificabile, ma si orienta nelle tue realtà superiori, quelle esperibili da te solo soggettivamente, realtà che sfuggendo ad ogni codificazione scientifica sono state collocate nell’area della mistica e della metafisica.Il Rebirthing utilizza due tecniche: una fisica e una mentale:

La tecnica fisica: la coscienza del respiro

Respiri profondamente e dolcemente in modo circolare e consapevole nel silenzio di un luogo confortevole, sdraiato e rilassato per un tempo variabile da 30 a 60 minuti.Respirando così la tua mente conscia ed inconscia iniziano a “comunicare”.L’ansia si dissolve, contatti il tuo Sè e ti liberi di emozioni e di pensieri nascosti che limitavano la tua vita.

La tecnica mentale: la coscienza del pensiero

La realtà che percepisci non ha altro significato che quello che gli dai.L’origine di questo significato è nell’interpretazione che hai dato al tuo vissuto, dal concepimento fino ad oggi.Grazie al Respiro, abbinato alle tecniche della consapevolezza del pensiero, diventi cosciente delle percezioni e delle convinzioni che creano la tua realtà e integrandole costruttivamente il tuo mondo “interiore” si trasforma e così anche la tua vita.

Benefici immediati a fine seduta

– La scomparsa o la diminuzione dell’ansia e dello stress grazie al profondo stato di benessere e di rilassamento psico-fisico attivato dal flusso delle endorfine prodotto da questa respirazione.

– La benefica ossigenazione del corpo che fa si che le emozioni represse, cristallizzatesi in particelle di energia a livello cellulare, vengono liberate definitivamente.

– Il tuo benessere, la risoluzione dei tuoi problemi e la tua crescita personale grazie alla rinascita interiore di una nuova consapevolezza positiva riguardo la tua vita, te stesso e gli altri.

– La liberazione dai condizionamenti e dai traumi inconsci e l’ acquisizione di modelli di comportamento di successo nelle tue relazioni interpersonali e l’ eliminazione di quelli inconsci che ti sabotavano.

– La comprensione dei meccanismi mentali causa di sofferenza che ti impedivano di vivere nel “qui e ora” e di godere pienamente della vita e la riscoperta del senso profondo dell’ esistenza e la tua realizzazione personale.

– ”L’ espansione della tua coscienza,” dove affini le tue capacità mnemoniche, sensoriali ed emotive.

– Il piacere di momenti di “non-pensiero” e la tua nuova percezione della realtà senza l’interposizione di diaframmi interpretativi: dove non c’è giudizio c’è solo la dimensione “Senza tempo” del “Qui e Ora”.

– Andare piacevolmente oltre i confini della mente, contattare il “Sè superiore”, il centro supercosciente e trascendente che esiste in te, ottenere la “centratura” e la sicurezza raggiungendo profonde esperienze di risveglio e di trasformazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi